La Mente


Se si vuole indagare la natura di un torrente per prima cosa si deve riuscire a vedere per ciò che realmente è.
Si potrà indagare la natura  dell'  acqua, riempiendo un recipiente e dunque studiandola. Si scoprirà che mentre la natura di quel particolare torrente, con quelle particolari anse, rive, cascate, paesaggio etc. è unica, la natura dell'acqua che vi scorre non è diversa dall'acqua di un qualunque altro torrente o anche della pioggia. Ma l'acqua ferma nel recipiente non è più torrente. L'acqua è torrente in quanto scorrere. Allo stesso modo, la mente è movimento, continuo scorrere. Spesso si ambisce, ricercando la liberazione e seguendo una qualunque dottrina, ad avere una mente immobile ma non sarebbe più mente se non scorresse, esattamente come l'acqua del torrente racchiusa nel recipiente, non è più torrente. Si può, praticando, raggiungere un certo grado di "fermezza" della mente che può servire per esaminare la natura della mente stessa, così come si studia la natura dell'acqua raccogliendola e fermandola nel recipiente. Ciò che si scoprirà è che la natura di ciò che chiamiamo mente è differente da individuo a individuo, ma ciò che "scorre" in essa e che la rende mente è uguale in tutti. 


(Monàs)